Sindy
        Vergata

Credito d'imposta nel mezzogiorno

By Sindy Vergata

SCLN


Credito d'imposta nel mezzogiorno

Il Bonus Investimenti e il credito d’imposta nel mezzogiorno - legge di bilancio 2021

Il bonus investimenti al Sud è disciplinato dai commi 98-108 della Legge n. 208/2015, Legge di Bilancio 2016. L’obiettivo del bonus è di incentivare gli investimenti in impianti, macchinari e attrezzature varie per sostenere la ripresa produttiva delle imprese ubicate nel Mezzogiorno. L’agevolazione opera a favore della Regione Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo.

Con la legge di bilancio 2021 è stata confermata la misura introdotta dalla Legge di Stabilità 2016. Gli investimenti effettuati nel Sud dell’Italia saranno così agevolati fino al 31 dicembre 2022.

È stata prorogata di ulteriori due anni la disciplina del credito d’imposta per le imprese di piccole, medie e grandi dimensioni che effettuano investimenti in macchinari, attrezzature ed impianti da destinare a strutture produttive nelle così dette “zone assistite” quali: Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo e con l’art. 5 del D.L. n. 91/2017, il credito d’imposta è riconosciuto anche per investimenti effettuati nelle ZES. Per i Comuni colpiti dal sisma, l’agevolazione opera per gli investimenti effettuati dal 24 agosto 2016 fino al 30 dicembre 2020.

Chi sono i beneficiari?

Possono accedere al bonus investimenti al Sud ed ottenere il credito d’imposta per l’acquisto di nuovi beni strumentali le imprese di qualsiasi dimensione e natura giuridica a prescindere dal regime contabile adottato e dal settore economico di riferimento. Le uniche eccezioni riguardano l’industria siderurgica, carbonifera, costruzione navale, fibre sintetiche trasporti e relative infrastrutture, produzione e distribuzione di energia, settore finanziario, creditizio assicurativo. E non spetta alle imprese in difficoltà, le imprese in crisi a breve o a medio termine in assenza di un intervento da parte dello Stato. Per beneficiare del credito, l’impresa deve certificare attraverso il DURC (Documento Unico Regolarità Contributiva) di essere in regola con il versamento dei contributi dovuti agli enti di previdenza, di assistenza e di assicurazione.

Misura del credito

Il credito d’imposta è erogato in relazione al costo complessivo dei beni, per ciascun progetto d’investimento il limite massimo è di 3 milioni di euro per le piccole imprese, 10 milioni di euro per le medie imprese e 15 milioni di euro per le grandi imprese. L’entità massima dell’aiuto varia in relazione alla dimensione dell’impresa e della regione.

Per le regioni Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna gli aiuti ammissibili ai sensi dell’art. 107, lett. a) del TFUE:

  • 45% per le piccole imprese, che occupano meno di 50 persone e realizzano un totale di bilancio o un fatturato annuo inferiore a 10 milioni di euro.
  • 35% per le medie imprese che occupano almeno 50 persone e realizzano un fatturato annuo di almeno 10 milioni di euro.
  • 25% per le grandi imprese che occupano almeno 250 persone e il cui fatturato annuo è almeno pari a 43 milioni di euro. Per le regioni Molise e Abruzzo Imprese ammissibili agli aiuti ai sensi dell’art. 107, lett. c) del TFUE:
  • 30% per le piccole imprese, che occupano meno di 50 persone e realizzano un totale di bilancio o un fatturato annuo inferiore a 10 milioni di euro.
  • 20% per le medie imprese che occupano almeno 50 persone e realizzano un fatturato annuo di almeno 10 milioni di euro.
  • 10% per le grandi imprese che occupano almeno 250 persone e il cui fatturato annuo è almeno pari a 43 milioni di euro.

Beni agevolabili

I beni agevolabili sono quelli facente parte di un progetto d’investimento iniziale in relazione all’acquisto d’impianti, attrezzature e macchinari destinati a strutture produttive già esistenti o che sono impiantate nel territorio. Tali beni devono essere nuovi e strumentali all’attività d’impresa. Sono agevolabili gli investimenti effettuati tramite leasing, acquisto da terzi, contratto di appalto e realizzazione in economia.

Funzionamento e cumulabilità con altre agevolazioni

Per fruire del credito d’imposta nel mezzogiorno l’impresa deve presentare la domanda all’Agenzia delle Entrate, tramite gli intermediari abilitati, o tramite una società del gruppo, se il richiedente fa parte di un gruppo societario (si considera appartenente al gruppo l’ente o la società controllante e le società controllate). La comunicazione va presentata con apposito modello esclusivamente in via telematica, utilizzando la versione aggiornata del software riguardante il credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, denominato “Creditoinvestimentisud” (CIM17), indicando i dati dell’investimento agevolabile. Il credito è cumulabile con gli aiuti “de minimis” e con altri aiuti di stato aventi ad oggetto i medesimi costi ammessi al beneficio. C’è da aggiungere, però, che tale cumulo è consentito a condizione che non si superi l’importo di aiuto più elevato consentito dalle varie disposizioni.

Last Publications

Corporate Criminal Law

Published on August 12, 2021

by Aldo Portavia

Interazione tra il modello organizzativo ex D.LGS 231/01 e il rating di legalità

_a cura di Avv. Aldo Portavia

Cultore della Materia per la disciplina Criminalità e Immigrazione presso l’Università Internazionale di Roma Avvocato

§ 1 - La nuova disciplina regolamentare in materia di rating di legalità introdotta dalla delibera dell’AGCM n. 28361 del 28 Luglio 2020

Le indicazioni fornite dal Legislatore - in ordine …

Contracts

Published on June 7, 2021

by Francesco Cocola

Il processo civile telematico - PCT - in Cassazione

Il deposito telematico in Cassazione

Il Decreto rilancio ha previsto la possibilità per gli avvocati di depositare telematicamente atti e i documenti, nei procedimenti civili davanti alla corte di Cassazione.

A tal fine, già il 27 ottobre 2020 era stato redatto un Protocollo d’Intesa tra la Corte di Cassazione, la Procura generale, …

Tax Litigation

Published on March 30, 2021

by Luca Procopio

Quale proroga dei termini per gli agenti della riscossione?

La conversione del D.L. “Cura Italia” accantona la proroga biennale dei termini di prescrizione e decadenza degli accertamenti degli uffici

Articolo a cura di Luca Procopio e Roberto Bianchi

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge 24.4.2020, n. 27 di conversione del D.L. n. 18/2020 …

Tax Litigation

Published on February 19, 2021

by Luca Procopio

Inammisibile il ricorso in appello nel giudizio tributario di ottemperanza

Abstract

Nel tentativo di superare le criticità derivanti dall’interpretazione letterale del comma 10 dell’art.70 D.Lgs. n. 546/1992 la Sezione Tributaria della Suprema Corte ha sposato un’esegesi logico-sistematica, affermando che la sentenza pronunciata in sede di giudizio di ottemperanza, indipendentemente dall’esito e …

Tax Litigation

Published on December 21, 2020

by Luca Procopio

La proroga a marzo 2021 per gli accertamenti IMU non convince

Si tratta di una proroga comunque sproporzionata

In base alla disciplina ordinaria, in tema di tributi locali “Gli avvisi di accertamento […] devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati” (art. 1 …

Tax Litigation

Published on December 16, 2020

by Luca Procopio

La Cassazione chiarisce i rapporti tra infedeltà dichiarativa ed omesso versamento: ma la motivazione non convince del tutto

Abstract

La recente sentenza della Corte di cassazione n. 27963/2020, seppur ampiamente condivisibile nel risultato cui giunge, desta qualche perplessità nella parte finale dell’impianto motivazionale.

La Cassazione chiarisce i rapporti tra infedeltà dichiarativa ed omesso versamento

Pochi giorni fa è stata depositata la sentenza 7.12.2020, …

Tax Litigation

Published on September 8, 2020

by Luca Procopio

Detrazione Iva nelle operazioni soggettivamente inesistenti: ancora incertezza

Posizioni differenti in seno alla Corte di Cassazione sulla negazione del diritto alla detrazione dell’IVA. L’orientamento della Corte Europea

Sulle condizioni che legittimano la negazione del diritto alla detrazione dell’IVA, fondata sul presupposto che il cessionario risulti a conoscenza dell’inesistenza soggettiva delle operazioni di …

Corporate Criminal Law

Published on June 6, 2020

by Simone Faiella

Riciclaggio e autoriciclaggio per equivalente. Il problema del provento da reato tributario

321 RICICLAGGIO E AUTORICICLAGGIO “PER EQUIVALENTE”. IL PROBLEMA DEL PROVENTO DA REATO TRIBUTARIO

“Value” money laundering and “value” self-laundering.

The issue of the fiscal crime proceeds

Gli artt. 648-bis e 648-ter.1 c.p. sono stati intesi come strumento indiretto di lotta all’evasione fiscale, quando la loro attitudine avrebbe …

Tax Litigation

Published on April 6, 2020

by Luca Procopio

Il diritto del socio di contestare l'esistenza di utili "extra contabili" in capo alla società a ristretta base sociale

Nel sistema delle imposte sui redditi, il diritto positivo, salvo quanto disciplinato dall’art. 116 del TUIR, non riserva alle società di capitali a ristretta compagine la presunzione legale di distribuzione degli utili ai soci, o , più correttamente, l’imputazione per trasparenza del reddito societario ai soci, operante, invece, nei …

Tax Litigation

Published on April 2, 2020

by Luca Procopio

"Diniego di Autotutela": non sempre inammisibile l'impugnazione nel merito

Le riflessioni che seguono traggono spunto dalla sentenza n. 4335/19 del 16.07.2019 emessa dalla Commissione Tributaria Regionale del Lazio, nella quale si è escluso che il contribuente, nel ricorso avverso il diniego di autotutela opposto su una non impugnata “comunicazione di irregolarità” (c.d. “avviso bonario") ex articolo 36 bis D.P.R. …

Inheritance

Published on November 10, 2017

by Francesco Cocola

Dichiarazione di indegnità a succedere ex art. 463, n. 6, c.c.: nota a sentenza del Tribunale di Milano

Il Tribunale di Milano, con la recente sentenza n. 10053 del 3 ottobre 2017, Est. Dr.ssa A. Cozzi, si è pronunciato sui presupposti necessari per la dichiarazione di indegnità a succedere ex art. 463, n. 6, c.c., e sulle modalità temporali di produzione dell’efficacia costitutiva della relativa pronuncia, destinata ad operare ex tunc, …

Corporate Criminal Law

Istigazione e corruzione tra privati

Due esempi problematici di ‘norma penale eterointegrata'

Le previsioni incriminatrici degli artt. 2635 e 2635 bis c.c. mostrano problemi di determinatezza. Il rinvio agli obblighi d’ufficio e di fedeltà appare impreciso e l’identificazione di questi obblighi troppo facilmente rischia di scivolare sul piano inclinato della ‘tipicità postuma’. Il …

Corporate Criminal Law

L’aggravante mafiosa nella stagione del trionfo della prevenzione generale. Parte I

1 – I possibili futuri inquietanti approdi

Il tema affidato riguarda un meccanismo sanzionatorio inserito nel nostro ordinamento, ormai nel 1991, con il ruolo di semplice aggravante.

Sì, perché, con l’art. 7 del d.l. 152 del 13 maggio 1991, viene introdotta nel nostro sistema una previsione incriminatrice sui generis secondo cui, tra l’altro, “Per …

Tax Litigation

Riclassamento via Docfa con motivazione affievolita

In breve

La giurisprudenza di legittimità torna a pronunciarsi sull’obbligo di motivazione delle procedure di riclassamento. E questa volta lo fa in contrasto con i precedenti giurisprudenziali. Secondo la Suprema Corte l’iter con Docfa prevedendo la collaborazione del contribuente, non necessita di ulteriori approfondimenti obbligatori invece nel …

1 / 14